24/02/15

A proposito dei media (un messaggio di Paxton Robey)

Vorrei dirvi due parole a proposito dei media.

Ma prima di questo voglio ripassare (ancora!) il vero motivo della vita sulla terra. Preparate i vostri scaffali mentali cosicché possiate memorizzare alcune di queste idee senza dover dare giudizi istantanei su di loro, giudizi come “questo è ridicolo” o “è impossibile!”. Farò delle affermazioni abbastanza assolute, e le affermazioni assolute possono distruggere il nostro bisogno di essere arrabbiati, offesi da quello che sta accadendo attorno a noi. I nostri ego hanno bisogno di giudicare gli altri ignoranti, stupidi o sbagliati per poter sentire se stessi come giusti o istruiti, per poter dire di noi che 'noi sappiamo'. L'auto-valore per l'ego sta nell'avere ragione e ha sempre bisogno di credere nelle vittime e nell'ingiustizia. E' ovvio per l'ego che molto di ciò che accade nelle nostre vite sia sbagliato. I grandi maestri che ci sono stati nel passato, alcuni dei quali sono ancora in giro sulla terra (sono addirittura migliaia), non hanno mai creduto in niente su questa terra che avesse bisogno di essere messo a posto. Non ci hanno mai detto di dare la caccia ai cattivi. Non ci hanno mai detto che ci fossero dei cattivi. Non hanno mai spedito eserciti per sconfiggere i malvagi. Non ci sono cattivi. C'è solo una illusione creata da noi stessi che esiste solo nelle nostre menti.

Non importa molto quanto ci mettiamo ad arrivare a capire la vita e come essa funzioni sulla terra. Possiamo continuare ad incarnarci e continuare a credere in ogni incarnazione che le cose siano sbagliate, nella nostra vita e sul pianeta. Arriveremo prima o poi alla realizzazione che esiste solo amore a dispetto delle apparenze, ma potrebbe essere un lunghissimo viaggio, a meno che non accettiamo l'aiuto delle nostre guide.

O esiste una sorgente amorevole d'amore che sorregge tutto ciò che c'è oppure non esiste nulla del genere. Non ci sono sfumature. Nel primo caso non avremmo nessun problema, nel secondo non avremmo nessuna speranza.

Quando le emozioni piacevoli o spiacevoli emergono, è tempo di mettere tutto nella giusta prospettiva. Qual è questa prospettiva?

Quando ci incarniamo sul pianeta terra stiamo volontariamente entrando in un grande cinema. Un cinema tecnicamente perfetto con uno schermo olografico, suono in surround, piena immersione e sovraccarico di stimoli sensoriali per tutta la durata del film. Deve essere davvero reale per essere credibile, così come al cinema bisogna che le luci siano spente per credere di essere davvero nel film.

Dopo tutto è illusione al suo meglio.

Quando le luci tornano diciamo a noi stessi “è stato veramente spaventoso come film. Wow! Mi è piaciuto!”. E sapevamo che lo spettacolo su questa terra doveva essere così credibile da farci dimenticare a tratti che non fosse reale, se volevamo godere dell'opportunità di crescere, imparare e finalmente laurearci in questa scuola.

Siamo scrittori, produttori e direttori del nostro peculiare film. Non ci sono due persone che stanno guardando lo stesso show. Creiamo la sceneggiatura, la scenografia e scegliamo le comparse fino ai titoli di coda. Potete vedere quanto sia perfetto il risultato di questo “training- audio- video”, niente in questo film esiste senza che noi lo abbiamo intenzionalmente voluto.

Niente è casuale o accidentale, niente accade per caso, nel nostro cortile come intorno al mondo.

Noi abbiamo inserito nel film tutto ciò che c'è, non solo le nostre relazioni e i nostri amici e il nostro lavoro, ma ogni cosa che arriva alla nostra consapevolezza. Qualunque cosa arrivi alla nostra consapevolezza, in qualsiasi modo vi arrivi, ce l'abbiamo messa per un motivo. Può arrivare dai cinque sensi oppure attraverso qualcuno che ci fa notare “quanto sono cattivi quelli là fuori” e “quanto orribili siano quelle situazioni”. Ma ne abbiamo creato ogni millimetro e alla fin fine tutto ciò esiste solo nelle nostre menti.

Facciamo esperienza di qualsiasi cosa attraverso le nostre menti. Non c'è nulla al di fuori della nostra mente, niente esiste nella realtà REALE, eccetto che nella nostra mente. C'è solo MENTE. E' vantaggioso controllare i nostri pensieri? O dovremmo semplicemente reagire a quello che ci viene messo di fronte e dire “beh, questa è la vita”, come se fossimo vittime di ciò che c'è 'là fuori'?

Perché abbiamo incluso le scene che abbiamo scelto di mettere nel nostro film?

Perché siamo studenti saggi e brillanti apprendisti.

Abbiamo avuto una riunione di lavoro con i nostri consiglieri, guide e arcangeli ben prima che prendessimo la decisione di incarnarci. Abbiamo firmato contratti con i nostri compagni attori per assicurarci che avremmo avuto esattamente le esperienze di cui avevamo bisogno per incrementare la nostra comprensione della 'vita' e del suo scopo, e di ciò che può fare per noi mentre ci spostiamo gradualmente verso la felicità e il risveglio.

Sapevamo molto, molto bene ciò che volevamo imparare e sapevamo che dovevamo attraversare la vita in maniera differente da come avevamo fatto l'ultima volta se volevamo massimizzare i risultati dell'apprendimento e quindi la crescita e la felicità in questa vita. Ciò significa che sapevamo che avremmo potuto spostarci verso l'obiettivo della felicità e dell'amore se fossimo riusciti a fare la “cosa giusta” ogni volta che si fosse presentata una opportunità.

Fare la cosa giusta include cose che abitualmente non amiamo affatto fare, come ad esempio perdonare quando il perdono sembra impossibile.

Tutta la verità è semplice. Solo i nostri ego credono in ciò che è complesso e intricato. La sopravvivenza dell'ego dipende dalla sua capacità di portarci a rifiutare questa semplice verità. L'ego è per definizione un credere alla separazione da tutto ciò che è 'fuori' da noi. Ma non c'è niente 'fuori' da noi (che è una di queste semplici verità). Quindi se arriviamo alla comprensione di essere uno col tutto non esiste più un EGO.
In effetti se siamo separati dal tutto allora la nostra sopravvivenza dipende totalmente dal distruggere i cattivi prima che i cattivi distruggano noi. Ora, SENTITE come le vostre emozioni entrano in gioco quando leggete questo. Le emozioni emergono quando incontriamo parole o esperienze che ci collegano al nostro passato in una maniera che conferma o contraddice i nostri vecchi sistemi di credenze, in genere sistemi di credenze privi di fondamento. Tutto va bene per quello che è. E' tutto OK così come è. Questo significa qualsiasi cosa, anche guerre, economia che non funziona, e così via.
Dio, o la sorgente, o il creatore, o lo Spirito (usate i vostri termini) è AMORE. L'AMORE non permette nessun male, ma permette alle illusioni di essere usate come strumenti di apprendimento. Ogni studente sulla scuola terra ha l'opportunità di pianificare il suo risveglio che accade nel momento in cui decide di aver appreso ciò che ha scelto di imparare attraverso eoni di vite. Risvegliarsi significa avere memoria della nostra divina natura e ritornare alla nostra consapevolezza cosciente di questo. Gioia, beatitudine, pace, amore. E molto altro ancora. Il risveglio mentre si è in un corpo fisico è molto più semplice quando la coscienza di gruppo è di supporto o positiva. Questo è uno di quei momenti. Ogni 26 mila anni emerge la più favorevole delle energie, che è proprio quella che c'è ora in giro.
Le persone non si risvegliano (o è molto raro) durante una incarnazione che non hanno pianificato per questo scopo.
E' molto raro per le anime deviare dal loro percorso prestabilito più di un tot, durante una incarnazione. Quando prendono decisioni buone come essere amorevoli o perdonare in ogni situazione, questo fornisce una possibilità drammaticamente maggiore di risveglio o almeno di essere felici in questa e nelle prossime esistenze. Fare scelte amorevoli e positive in questa vita può salvare millenni di vite di conflitto e sofferenza in futuro.
Abbiamo due compiti sulla terra. Finirla col nostro karma auto-imposto così che possiamo risvegliarci. E seguire la nostra beatitudine, fare quello che amiamo fare, così che possiamo lasciare all'umanità i doni che abbiamo da offrire.
Il Karma è un grande insegnante. Ognuno di noi sceglie se fare esperienza o meno di certe situazioni karmiche in ogni esistenza. Attraversiamo tali lezioni karmiche solo se abbiamo deciso di aver bisogno di queste esperienze per accelerare la nostra crescita e accorciare il tempo tra adesso e il giorno della nostra laurea.
Una volta mi sono offerto di aiutare una persona  a evitare una situazione veramente difficile nella sua vita. Parlando con lui a livello dell'anima, si arrabbiò con me. Disse “sto per fare il mio ultimo esame prima di laurearmi, vuoi portarmi via il mio ultimo esame? Così non potrò laurearmi!””.
La vita non è quello che sembra essere! Non ci sono disastri. Non ci sono vittime. Esiste solo amore a prescindere da quello che sembra. Non ci sono “vittime” di ISIS. Non ci sono vittime del governo. Come anime anziane voi avete finito con queste lezioni. Non potete essere al posto sbagliato al momento sbagliato. Siete al sicuro. Siete guidati e protetti. C'è solo una scuola nella quale siete. Niente è quello che sembra essere. Prima del nostro risveglio non sappiamo NULLA.
E il picco dell'arroganza è credere di sapere come altre persone dovrebbero comportarsi (questa era un po' forte eh?). La buona notizia è che tutti sapevamo che questa era l'era del risveglio, che stavamo entrando in questo tempo e tutti noi abbiamo preparato diverse opportunità di risvegliarci prima di prendere il bus per tornare a casa. Cercate di andare verso il vostro risveglio d'ora in poi. Dopo tutto siete operatori di luce e guaritori, siete pronti da un pezzo! Questo è ciò a cui puntavate da quando il tempo è iniziato, risvegliarsi in questa vita non significa riscrivere il vostro piano vitale, significa adempiere al vostro piano vitale. Ricordatevelo, voi non siete normali, siete anime anziane.
Tornando a quello che dicevo sull'energia di gruppo positiva e sulla coscienza di gruppo: c'è qualche valore nell'essere positivi? E' utile o è solo un mucchio di baggianate stile Pollyanna? Possiamo alterare il nostro percorso in maniera utile pensando e parlando in maniera positiva?
La gente ha provato ad usare il pensiero positivo per manifestare case, macchine e denaro, nonché anime gemelle. Questo per dire che le persone hanno provato ad usare il pensiero positivo per alterare il piano della propria vita, quello stesso piano che avevano progettato prima della nascita, solo per avere un maggior numero delle cose che volevano. Questo non funzionerà. Può sembrare che funzioni quando le “cose” chieste facevano parte del piano originale. In questo caso le persone ottengono quelle “cose” senza alcuno sforzo perché le “cose” arrivano con delle lezioni e le lezioni sono parte di ogni viaggio umano attraverso la scuola terra.
Quello che l'energia di gruppo può fare è di rendere più facile lo sviluppo di atteggiamenti positivi. L'energia del gruppo può rendere drasticamente più semplice per le persone avere momenti felici nelle proprie vite, e penso che la maggior parte di noi voglia momenti felici nella propria vita. L'energia positiva del gruppo significa che le persone il cui piano vitale mostra un 94% di possibilità di risvegliarsi in questa vita, si laureerà sulla scuola terra in questa vita. L'energia positiva del gruppo è estremamente importante per coloro che vogliono far esperienza di gioia, amore e pace. Tutte le menti sono telepaticamente collegate. Potete filtrare i pensieri che arrivano e accettare solo quelli che vi piacciono e vi divertono.
E questo ci porta ai media:
Quando postiamo articoli nel tentativo di portare la gente a vedere quanto male c'è là fuori o a credere che i cattivi stiano facendo cose cattive così che possiamo “mettere a posto” questo casino, stiamo solo dicendo: IO NON SO NULLA! Stiamo dicendo alle persone che sono nostri amici “credo che se abbassiamo la vibrazione dell'energia di gruppo con la paura, questo alla fine sara utile a Gaia, la madre terra, e alla sua famiglia. Io credo che io e i 'cattivi' non siamo una sola cosa”
Qual è la vostra immagine della vita sulla terra? Qual è la vostra idea di paradiso in terra? La realtà esiste solo nelle nostre menti. Perché creare l'inferno nelle nostre menti? Perché mantenere giudizi o negatività nelle nostri menti? In verità esiste solo l'amore. Perché non allineare noi stessi con questa verità?


Leggete quello che postate prima di clikkare. Chiedetevi, questo alza o abbassa la vibrazione di gruppo? Se la alza allora sapete di essere un guaritore, se l'abbassa allora state cercando di creare un ritardo nell'arrivare all'obiettivo, e ritardate tutti gli altri.
Sappiate che Obama e Putin e tutti i politici, e le figure pubbliche e tutti i banchieri e tutti i potenti, sono tutti membri delle nostra famiglia, stanno anche essi vivendo le loro lezioni karmiche così che anche loro possano laurearsi sulla scuola terra. Siamo tutti UNO.
Seguite gli insegnamenti dei Grandi Maestri e abbrevierete il vostro viaggio verso casa. Provate a 'mettere a posto' quello che è 'sbagliato' e negherete le lezioni dei Grandi Maestri.
E' semplice no? (Scherzo...).
Rinunciate a ogni credenza di giusto e sbagliato, non esiste né giusto né sbagliato. C'è solo amore.
Che tutti siate benedetti.
P.S.
Ho scritto questo su richiesta delle mie guide\insegnanti. Sono pienamente consapevole che me l'hanno chiesto perché volevano che IO leggessi quello che ho scritto.

Paxton Robey



13/02/15

Consentire e seguire


Un miliardo di anni fa, un me del passato, in un mare di incertezza, casini, depressioni, stanchezza e mancanza di direzione, senza sapere niente di spiriti, guide, dimensioni ulteriori della consapevolezza, fece una cosa istintiva. Si rivolse a 'qualcosa là fuori' e disse: 'per favore, non so dove andare, non vedo strade possibili da percorrere. Per favore, aprimi una strada.' Fu, per l'appunto, un gesto spontaneo, un misto di disperazione e curiosità, di quei gesti che uno fa perché si è arreso, una di quelle cose di cui poi ti dimentichi. Dopo questa 'preghiera' spontanea, seguì una breve serie di 'coincidenze' e 'segnali'. Una sera avremmo dovuto uscire, io e la mia fidanzata dell'epoca, ma lei si sentì improvvisamente male e decidemmo di restare a casa e guardare un film. Non avevamo film però e all'epoca avevamo vicino casa solo un piccolo video club infognato in stradine sperdute, così mi imbarcai alla volta del negozietto, e fuori da questo negozietto vidi il poster di un film che sembrava interessante perciò lo presi. Guardando il film vidi il volto di un attore che mi ricordava fortemente un vecchio amico, così, preso da un moto di nostalgia, chiamai il vecchio amico. Incidentalmente questo vecchio amico si occupava di qualcosa che poi diventò il mio lavoro per i 7 anni successivi e mi aiutò a inserirmici, un lavoro a cui mai avrei pensato e a cui mai avrei avuto la possibilità di accedere per vie preferenziali. Questo è come funziona il 'là fuori', e non c'è molto altro da sapere. Negli anni successivi ho sperimentato questa lezione più e più volte senza mai un buco nell'acqua, eppure, nonostante la semplicità del concetto, mi è piaciuto anche complicarmi la vita, fare corsi su corsi, leggere un migliaio di libri, solo per ritrovarmi oggi, dopo 20 anni di ricerca metafisica, a pensarla ancora come Paxton Robey, autore di No Time For Karma, quando scrive:



"Se adesso sei pronto a chiedere aiuto affinché la tua vita sia guidata dai regni invisibili, condividerò con te le preghiera più potente dell’universo. Ho controllato con Matteo, Marco, Luca e Giovanni e ho il loro permesso non solo di condividerla, ma di affermare che la sua potenza supera quella del Padre Nostro. È la preghiera più efficace che si sia mai sentita nell’universo e non può essere negata da nessuna energia del cosmo. È quella che puntualmente raduna in tuo soccorso gli abitanti di tutti i regni. Sei pronto per questa preghiera? La preghiera è:«aiuto!!!»"

Non c'è poi molto altro da fare dopo se non mettersi in ricezione e seguire i segnali. Consentire e seguire dicevano una volta i miei primi spiriti guida. E certo è che non c'è sforzo nel consentire e seguire. Non c'è lotta, non c'è dubbio. La strada giusta si 'sente', raramente la si 'sa'. Poi tutto sommato ci piace complicare la situazione. E' sempre così nella 'densità'. Più si scende nella materia e più ci si complica la vita, con ricerche, libri, studi, pratiche, cerchiamo di diventare esperti, cerchiamo di saperne di più, sempre di più, e crediamo che saperne di più ci possa in qualche modo avvicinare a quel qualcosa che in realtà è più vicino a noi dei nostri stessi occhi, del nostro stesso pensiero. L'ego ama la complessità e personalmente la complessità, per quanto affascinante e divertente per un po', mi sembra sempre come una serie infinita di cerchi che ruotano su sé stessi e non portano mai da nessuna parte. Quando consento e seguo invece è più o meno come seguire una rotta. Non definita, per carità, non sempre visibile e raramente senza interruzioni, cionondimeno una linea che porta da qualche parte, una linea che apre sempre nuove possibilità. L'unico 'errore' che si può fare è non consentire quello che si riceve e non seguire la propria strada. E questo può accadere per migliaia di validissime ragioni: non hai tempo, non hai soldi, non puoi deludere papà e mamma o la moglie\madre dei tuoi figli, non puoi lasciare un lavoro di cui ti occupi da trent'anni e che ti fa guadagnare bene, sei troppo vecchio, grasso, brutto, etc. Queste e milioni di altre sono tutte ragioni valide secondo la tua mente, secondo ciò che pensi, secondo ciò che è "giusto". Ma ciò che è giusto raramente ti renderà felice se non è TUO, ciò che è giusto per gli altri, il buon senso, il senso comune ti metteranno solo nei pasticci, nell'incompletezza e nell'infelicità se non è giusto per te. In linea di principio questo è l'unico 'errore' che si può fare. Tuttavia, alla fine, non esistono davvero errori in questa realtà. Tutto è lezione, apprendimento, scuola.