24/10/10

L'arte di saper sbagliare

... capita che certi eventi ti arrivino addosso inaspettati, facendoti più male di quello che avresti pensato e capita che siano simili o uguali a cose successe tanti anni prima su cui pensavi di aver già lavorato e che pensavi di aver risolto... Capita che stai interi giorni a pensare a cosa hai sbagliato e come potevi evitare che succedesse e a provare ogni genere di brutte sensazioni, di rabbie, di paure, di delusioni e sconforti. Capita soprattutto quando ti senti 'arrivato' a una certa vetta di pace o realizzazione quasi come se qualcuno cercasse di buttarti giù da un cocuzzolo di sicurezza autocostruita. Qualcuno che amavi ti lascia, vieni licenziato da un certo lavoro, ti diagnosticano la tale malattia, e la tua vita cambia completamente colore nel giro di qualche ora. Ecco che improvvisamente l'angoscia, la rabbia e la paura del fallimento (più o meno illusorie) ti aprono gli occhi a cose che prima non volevi vedere o ti sforzavi di far finta che fossero differenti. E' così che facciamo. Ci raccontiamo un mucchio di (sorry) cazzate sulla vita, gli eventi, gli 'amici', ma la realtà è che ci guardiamo e ci conosciamo davvero poco e quando succedono certi casini spesso e volentieri (e nel mio caso direi sempre) la vita ci sta dicendo qualcosa che non stavamo sentendo. Cos'è che non stavi sentendo poco prima che qualcuno ti trattasse 'ingiustamente'? Magari eri tu che stavi giudicando male quella persona dentro di te da mesi, anni, e facevi finta che andava tutto bene. Magari prima di essere cacciato via da quel posto di lavoro o da quel gruppo di amici non ti stavi accorgendo che quella situazione non andava più bene per te e non c'era più energia già da un bel po'; magari sommessamente non facevi che maledire quella situazione... ma tu e il tuo senso dell'io stavate lì a dirvi che ne avevate bisogno che quelle cose erano 'te'. Magari volevi cambiare quella persona o quella situazione e non sapevi come fare. E allora ecco che la vita per permetterti di farla finita con le bugie (sorry... le cazzate) ha pensato bene di crearti la situazione per uscirne o per vedere riflessa nella cattiveria dell'altro la stessa cattiveria che tu avevi nei suoi confronti. E' uno specchio. E tu che fai? Ti incazzi? Ti deprimi? Stai male? Se è così è perchè non stai capendo la lezione che c'è dietro l'evento e perchè probabilmente non stai facendo spazio al nuovo che deve arrivare. Inutile affannarsi. Inutile piangere e dare la colpa a qualcosa di esterno da te. Inutile meditare vendetta. Se sei un Mago Errante è chiaro che non dai più la colpa fuori anche se quello che succede può farti un male cane e anche se ti sembra di essere stato vittima di qualche ingiustizia. Ma non esiste ingiustizia che io sappia. E se qualcuno ti sta giudicando male o ti sembra di non essere capito\accettato\amato è perchè tu stai facendo questo a te stesso o a qualcun altro, ed è ora che evolvi e fai caso al fatto che è tutto sempre e unicamente una tua responsabilità.

1 commento: